Nobiltà personale e corona

Per discutere sull'araldica / Discussions on heraldry

Moderatori: Antonio Pompili, mcs

Nobiltà personale e corona

Messaggioda brixianus » sabato 16 febbraio 2019, 13:30

Buon giorno, una domanda ai più esperti: la corona di nobile è applicabile allo stemma anche in caso di mera nobiltà personale oppure è riservata alla nobiltà ereditaria?
Avatar utente
brixianus
 
Messaggi: 128
Iscritto il: mercoledì 2 gennaio 2013, 11:14

Re: Nobiltà personale e corona

Messaggioda brixianus » domenica 17 febbraio 2019, 16:40

Spero di non aver posto un quesito inopportuno...
Avatar utente
brixianus
 
Messaggi: 128
Iscritto il: mercoledì 2 gennaio 2013, 11:14

Re: Nobiltà personale e corona

Messaggioda nicolad72 » domenica 17 febbraio 2019, 17:25

Cosa si potrebbe intendere per nobiltà personale oggi nel 2019 in Italia.
Perché è di questo che parliamo!
Nicola Ditta
Avatar utente
nicolad72
Moderatore Forum Ordini Cavallereschi
 
Messaggi: 10556
Iscritto il: lunedì 30 ottobre 2006, 18:29
Località: Imperia

Re: Nobiltà personale e corona

Messaggioda brixianus » domenica 17 febbraio 2019, 22:25

Per esempio, i regolamenti dell'Ordine del Merito sotto il Titolo di S. Lodovico prevedono che "Il Grado di Cavaliere sì di 1° che di 2° classe apporterà la Nobiltà personale all’insignito, non trasmissibile ai discendenti". In tal caso, l'insignito potrà apporre la corona di nobile sul proprio scudo?
Avatar utente
brixianus
 
Messaggi: 128
Iscritto il: mercoledì 2 gennaio 2013, 11:14

Re: Nobiltà personale e corona

Messaggioda nicolad72 » lunedì 18 febbraio 2019, 19:56

Ed infatti è successo che qualcuno, esibendo una commenda di San Ludovico, abbia chiesto di essere ammesso in Malta nelle categorie di Devozione, ricevendo un sonoro "prego si accomodi altrove" dall'Ordine Sovrano.
Tra le altre cose, della circostanza sono stati informati i Duchi di Parma e la cosa ha avuto delle conseguenze.
Poi, non essendo più i Duchi di Parma, Sovrani di quello stato, ed essendo necessario per il conferimento della nobiltà (di qualsiasi tipo) il pieno godimento della FH - cosa che allo stato non è - al massimo la disposizione statutaria può essere intesa come promessa di nobilitazione qualora - ipotesi invero più improbabile che remotissima - la dinastia dovesse tornare su quel trono.
Ergo nonostante la disposizione, ad oggi in Italia nulla cambia, e parlare di nobiltà personale nell'Ordinamento Italiano è privo di senso alcuno.
Nicola Ditta
Avatar utente
nicolad72
Moderatore Forum Ordini Cavallereschi
 
Messaggi: 10556
Iscritto il: lunedì 30 ottobre 2006, 18:29
Località: Imperia

Re: Nobiltà personale e corona

Messaggioda brixianus » martedì 19 febbraio 2019, 7:52

La ringrazio per l'esauriente risposta
Avatar utente
brixianus
 
Messaggi: 128
Iscritto il: mercoledì 2 gennaio 2013, 11:14

Re: Nobiltà personale e corona

Messaggioda brixianus » sabato 2 marzo 2019, 12:59

nicolad72 ha scritto:Ed infatti è successo che qualcuno, esibendo una commenda di San Ludovico, abbia chiesto di essere ammesso in Malta nelle categorie di Devozione, ricevendo un sonoro "prego si accomodi altrove" dall'Ordine Sovrano.
Tra le altre cose, della circostanza sono stati informati i Duchi di Parma e la cosa ha avuto delle conseguenze.
Poi, non essendo più i Duchi di Parma, Sovrani di quello stato, ed essendo necessario per il conferimento della nobiltà (di qualsiasi tipo) il pieno godimento della FH - cosa che allo stato non è - al massimo la disposizione statutaria può essere intesa come promessa di nobilitazione qualora - ipotesi invero più improbabile che remotissima - la dinastia dovesse tornare su quel trono.
Ergo nonostante la disposizione, ad oggi in Italia nulla cambia, e parlare di nobiltà personale nell'Ordinamento Italiano è privo di senso alcuno.


In effetti la sua risposta non è così esauriente, temo. Scusi, due chiarimenti, se possibile:
- qual è la pertinenza di un tentativo (grossolanamente improprio) di entrare nello SMOM, con la mia domanda? In questo forum conosciamo tutti abbastanza bene i requisiti per accedere alle categorie nobiliari dello SMOM, mi pare;
- la distinzione tra fons honorum "piena" e fons honorum "non piena" (per così dire) è una sua teoria oppure è una teoria di qualche Istituzione oppure essa risulta da qualche testo normativo anche datato?
Avatar utente
brixianus
 
Messaggi: 128
Iscritto il: mercoledì 2 gennaio 2013, 11:14

Re: Nobiltà personale e corona

Messaggioda GENS VALERIA » domenica 3 marzo 2019, 15:39

Il problema , secondo me è il seguente:
L'ingresso nell' Ordine di San Lodovico ( 1° e 2° classe ) apporta una nobiltà personale "interna" e "spendibile" all'interno dell'ordine interno ed ovviamente, ovunque sia concessa una forma di cortesia .
In altri gradi di Ordini nei quali vigono le esibizioni di prove di nobiltà attraverso il processo di ammissione le cose cambiano, anche per l'Ordine di Malta.
Secondo le " Norme per la ricezione nel Sovrano Ordine di Malta nelle classi seconda e terza per la Veneranda Lingua d'Italia" le quali non risultano a tutt'oggi abrogate :

Art.15: L'ammissione in via di giustizia negli Ordini cavallereschi che richiedono prove nobiliari, quali in Italia , l'Ordine Costantiniano di San Giorgio, l' Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro, l'Ordine di S. Stefano, è prova del titolo primordiale di nobiltà.

Per "titolo primordiale di nobiltà" si intende una decorrenza centenaria dell' atto di aggregazione, mitigata da una interpretazione che la farebbe decorrere dalla data di nascita del soggetto richiedente, la ricezione nel SMOM.
Chi è ... è , chi non è ... non può essere.

Sergio de Mitri Valier Immagine
Avatar utente
GENS VALERIA
Moderatore Forum Genealogia
 
Messaggi: 5203
Iscritto il: domenica 24 giugno 2007, 22:39
Località: Chiavari

Re: Nobiltà personale e corona

Messaggioda contegufo » domenica 3 marzo 2019, 20:27

Salve

L'Ordine insiste in una reatà repubblicana (l'Italia) che non riconosce la nobiltà.
Se facciamo una assemblea di un certo Ordine nella cucina di casa mia non cambia la realtà delle cose ovvero il suolo è italiano, o no?

Saluti
Immagine
Avatar utente
contegufo
 
Messaggi: 2488
Iscritto il: sabato 1 maggio 2010, 21:13
Località: Repubblica di Lucca

Re: Nobiltà personale e corona

Messaggioda GENS VALERIA » domenica 3 marzo 2019, 21:29

Nessun Ordine nobiliare o meno mette in dubbio la legislazione italiana , con ciò nulla vieta che al proprio interno un Ordine Nobiliare o meno adotti un proprio regolamento e proprie gerarchie, molti di essi sono riconosciuti dallo stato , molti Servitori dello Stato ne fanno parte.
La Repubblica ignora la nobiltà, la Nobiltà non chiede nulla alla Repubblica .
Inoltre l' Ordine di Malta ha caratteristiche uniche, sovrane e sedi extraterritoriali.
Chi è ... è , chi non è ... non può essere.

Sergio de Mitri Valier Immagine
Avatar utente
GENS VALERIA
Moderatore Forum Genealogia
 
Messaggi: 5203
Iscritto il: domenica 24 giugno 2007, 22:39
Località: Chiavari

Re: Nobiltà personale e corona

Messaggioda Cav.OSSML » lunedì 4 marzo 2019, 16:16

brixianus ha scritto:- la distinzione tra fons honorum "piena" e fons honorum "non piena" (per così dire) è una sua teoria oppure è una teoria di qualche Istituzione oppure essa risulta da qualche testo normativo anche datato?

La regola dovrebbe essere quella che solo chi detiene il potere in una Nazione è da considerarsi "fons honorum", chi invece non detiene più il potere in una Nazione non detiene alcun tipo di fons honorum.
Quindi un titolo nobiliare concesso da una Casa già Sovrana ha solo valore morale, ma non ufficiale e non è riconosciuto da nessuna autorità con pieni poteri.
Al massimo i titoli concessi dalle Case già Sovrane possono considerarsi titoli "di cortesia" ovvero hanno valore morale soltanto all'interno di quelle ex-Case Sovrane.
E ad ogni modo è opinione di autorevoli giuristi che gli ex Sovrani non abdicatari (per esempio Re Umberto II in esilio) - la cui posizione è diversa da quella di semplici “pretendenti” - serbino, vita natural durante, la loro qualità di fons honorem.
Il dott. Alberto Lembo ha in passato, a mio giudizio correttamente, sostenuto che la validità culturale / morale della nobiltà deriva dal concetto di sovranità affievolita, diluita, che tuttavia consente pienamente che il Capo di una Casa dinastica già regnante che non abbia abdicato di rappresentare un fons honorum tale da concedere o riconoscere, all'interno del proprio patrimonio dinastico cavalleresco lo status nobiliare.
Le tradizioni sono le patenti di nobilità dei popoli.
Avatar utente
Cav.OSSML
 
Messaggi: 474
Iscritto il: giovedì 29 settembre 2011, 15:40
Località: Castrum Maiense


Torna a Araldica / Heraldry



Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 4 ospiti