Stemma araldico ecclesiastico e medaglia

Per discutere sull'araldica / Discussions on heraldry

Moderatori: mcs, Antonio Pompili

Stemma araldico ecclesiastico e medaglia

Messaggioda lgalante » sabato 5 gennaio 2019, 16:30

Buongiorno a tutti, sono nuovo del sito e vorrei confrontarmi con qualcuno che sia più esperto di me in araldica ecclesiastica.

La questione che vi sottopongo riguarda la realizzazione di uno stemma per un novello sacerdote. L'interessato ha già uno stemma di famiglia con motto (scudo sagomato d'oro, a tre pali di rosso e due conchiglie d'argento, attraversanti, col capo cucito d'oro all'aquila bicipite e spiegata di nero, coronato dello stesso all'antica, allumata, linguata e armata di rosso) per cui si tratterebbe solamente di aggiungere come elemento ornamentale il galero nero con una nappa, trattandosi di presbitero non parroco, sopra lo scudo.

Il novello sacerdote avrebbe però espresso il desiderio di aggiungere allo stemma di famiglia la medaglia miracolosa proponendo diverse possibilità:
- esterna allo scudo appesa ad un nastro azzurro
- inserendo in punta all'interno dello scudo la medaglia
- inserendo in punta il monogramma mariano d'argento e legando a questo la medaglia con nastro azzurro, in modo che la medaglia "fuoriesca parzialmente dallo scudo"
inoltre vorrebbe che la medaglia fosse raffigurata nelle due facce... Ecco un'immagine a solo scopo indicativo/esemplificativo:

Immagine

Ora ho diversi dubbi:
1) Mi chiedo se le opzioni siano tutte accettabili secondo le regole araldiche (e in particolare con riferimento all'araldica ecclesiastica) o se ve ne sia una da preferire perché più corretta. Sono a conoscenza (ma vi prego di correggermi se sbaglio) che nell'araldica Ecclesiastica non sono contemplate onorificenze e medaglie esterne allo scudo se non per l'Ordine Equestre del S. Sepolcro di Gerusalemme e quello di Malta, mentre in questo caso si tratta di una medaglia devozionale e non onorifica: sarebbe corretto per esempio posizionarla esterna allo scudo appesa ad un nastro azzurro?
2) L'altra questione riguarda la rappresentazione di entrambe le facce della medaglia perché se da un lato la Medaglia Miracolosa è tradizionalmente così raffigurata ed è anche significativo il significato di ognuna delle due facce così volute dalla Vergine, normalmente in araldica le medaglie vengono raffigurate in modo naturalistico, con una sola faccia appesa al nastro... Tra l'altro sarei curioso di sapere se vi sono esempi di stemmi araldici con la presenza di Medaglie devozionali quali quella Miracolosa o quella di San Benedetto
3) L'ultimo dubbio riguarda la possibilità e la correttezza della medaglia legata al monogramma mariano, come nella immagine di cui sopra. Sarebbe corretto l'inserimento in punta dello scudo del Monogramma e la legatura a quest'ultimo della medaglia che in qualche modo, scusate il termine certamente scorretto, "uscirebbe" parzialmente nella parte inferiore dello scudo?

Spero di essere riuscito a spiegare bene le mie perplessità e spero che tra voi, la cui competenza ed esperienza è fuori questione, vi sia qualcuno disposto a chiarire i miei dubbi dandomi una risposta e anche un consiglio.

A tutti anticipatamente i miei ringraziamenti e la mia gratitudine!
Avatar utente
lgalante
 
Messaggi: 9
Iscritto il: venerdì 4 gennaio 2019, 19:16

Re: Stemma araldico ecclesiastico e medaglia

Messaggioda Romegas » domenica 6 gennaio 2019, 13:11

Benvenuto, secondo il mio modestissimo pensiero, porrei la Medaglia Miracolosa solo dal lato dove si vede l'effige della Vergine, e la porrei in un partito, dandole il posto della destra araldica. Eviterei le altre soluzioni.
Sub hoc signo militamus
Sol per difesa io pungo
(Contrada Sovrana dell'Istrice)
Initium sapientiae timor Domini
(Sal. 111,10)
Socio A.I.O.C.
Socio I.A.G.I.
Romegas
 
Messaggi: 4695
Iscritto il: sabato 10 marzo 2012, 0:15
Località: Roma

Re: Stemma araldico ecclesiastico e medaglia

Messaggioda Guido5 » domenica 6 gennaio 2019, 18:52

Cari amici,
certamente lo scudo partito è la soluzione più logica ma c'è un problema. Lo stemma di famiglia ha un capo che, se dimezzato, toglierebbe equilibrio alla composizione e sotto il quale non vedo bene la figura della Madonna. E' ben vero che essa venne "affidata" da Gesù a Giovanni apostolo ed evangelista e che questi ha come simbolo proprio l'aquila, ma non coronata e tanto meno con due teste... E va aggiunto che la complessa simbologia della medaglia andrebbe perduta. Il mio consiglio al pretino è di portare la medaglia al collo (cosa che credo faccia già) e aspettare a riempire lo scudo pino a quando avrà la pienezza del sacerdozio, cioè quando diventerà vescovo e potrà fare uso pubblico dello stemma stesso. Si aggiungeranno allora, molto probabilmente, altri motivi.
Ciao a tutti!
Guido5
Guido Buldrini - Fides Salvum Fecit
Guido5
Amministratore
 
Messaggi: 5116
Iscritto il: mercoledì 4 maggio 2005, 16:16
Località: Roma

Re: Stemma araldico ecclesiastico e medaglia

Messaggioda lgalante » lunedì 7 gennaio 2019, 12:00

Carissimi,
anzitutto vi ringrazio per i vostri consigli e per la vostra disponibilità nel rispondere ai miei quesiti [thumbup.gif]:
non capisco però se la vostra valutazione rispetto alle casistiche prospettate sia fatta tenendo conto delle consuetudini araldiche (alcune soluzioni potrebbero essere contrari alle regole codificate?) oppure tengano conto di una valutazione dell'armonia estetica dello stemma. [hmm.gif]

Probabilmente entrambe le cose, ma -anche per istruzione personale (nonché per curiosità)- vi faccio questa domanda così da poter non solo condividere le vostre proposte ma farle mie sulla base di argomentazioni valide.

Guido5 ha colto perfettamente nel segno interpretando la volontà di raffigurare la medaglia con ambedue le facce allorché scrive "va aggiunto che la complessa simbologia della medaglia andrebbe perduta; il desiderio del novello presbitero di aggiungere la medaglia allo stemma manifesta certamente una devozione che lo accompagna da sempre, che si manifesta con il gesto di portare con fede la medaglia al collo come suggerito dalla Vergine a Santa Caterina, ma che vorrebbe anche palesarsi nella rappresentazione araldica come segno manifesto di tale devozione. Se poi questo non è possibile, oppure non è opportuno (per questioni grafiche/estetiche) allora va bene, ma occorrerà dare qualche motivazione all'interessato.

Poi non ho ben capito esattamente cosa si intende con l'indicazione di attendere una eventuale ordinazione episcopale che comporterebbe l'uso pubblico dello stemma: la questio della Medaglia cambierebbe oppure semplicemente si ipotizza l'adozione di uno stemma ex-novo che tenga conto solo parzialmente di quello originario della famiglia?

Inutile ribadirlo: [notworthy.gif] ...se ci fossero altri pareri concordi o discordi, o altre indicazioni relative ai quesiti originali, sarei davvero grato a tutti per i loro contributi!
Avatar utente
lgalante
 
Messaggi: 9
Iscritto il: venerdì 4 gennaio 2019, 19:16

Re: Stemma araldico ecclesiastico e medaglia

Messaggioda lgalante » venerdì 11 gennaio 2019, 22:45

Ho trovato sul manuale di Araldica nella Chiesa Cattolica di Mons. Heim alcuni stemmi ecclesiastici dove la medaglia è posizionata sotto il galero

Ecclesias2 (1).jpg
Avatar utente
lgalante
 
Messaggi: 9
Iscritto il: venerdì 4 gennaio 2019, 19:16

Re: Stemma araldico ecclesiastico e medaglia

Messaggioda lgalante » venerdì 11 gennaio 2019, 22:46

e anche questo, per esempio...

Ecclesias2 (2).jpg
Avatar utente
lgalante
 
Messaggi: 9
Iscritto il: venerdì 4 gennaio 2019, 19:16

Re: Stemma araldico ecclesiastico e medaglia

Messaggioda lgalante » venerdì 11 gennaio 2019, 22:48

Per quanto riguarda l'ordine del Santo Sepolcro ho trovato questo sul Bascapè/Del Piazzo

Costantiniano.jpg
Ultima modifica di lgalante il venerdì 11 gennaio 2019, 22:53, modificato 1 volta in totale.
Avatar utente
lgalante
 
Messaggi: 9
Iscritto il: venerdì 4 gennaio 2019, 19:16

Re: Stemma araldico ecclesiastico e medaglia

Messaggioda lgalante » venerdì 11 gennaio 2019, 22:58

E questo, che riguarda l'Ordine Costantiniano...

Santo Sepolcro (2).jpg


[nonono.gif] Ma in nessun manuale sono riuscito a trovare rappresentazioni di Medaglie di tipo devozionale, come la Medaglia Miracolosa.

Chi mi aiuta o mi sa dare info rispetto alle domande del mio primo messaggio?

Grazie
Avatar utente
lgalante
 
Messaggi: 9
Iscritto il: venerdì 4 gennaio 2019, 19:16

Re: Stemma araldico ecclesiastico e medaglia

Messaggioda Tilius » venerdì 11 gennaio 2019, 23:38

lgalante ha scritto: [nonono.gif] Ma in nessun manuale sono riuscito a trovare rappresentazioni di Medaglie di tipo devozionale, come la Medaglia Miracolosa.

Temo che in letteratura non troverà riferimento alcuno, essendo affatto nuova e originale questa idea - alquanto didascalica - del volere inserire la medaglietta devozionale.
La soluzione di volerla accollare allo stemma, appesa a un nastro, é altamente censurabile perché la farebbe sembrare una decorazione cavalleresca, cosa che ovviamente non é.
Poco importa se tale intenzione non esista: chiunque (con cognizioni di araldica anche minime) guardasse un tale stemma la vedrebbe, l'intenzione.
Rimane la soluzione di inserirla nello stemma (esteticamente alquanto scadente, ma l'unica che non ingeneri legittime perplessità di possibili - anche preterintenzionali - abusi).

Immagine
...
Immagine
Avatar utente
Tilius
Amministratore
 
Messaggi: 12562
Iscritto il: mercoledì 25 aprile 2007, 19:35
Località: Gefürstete Grafschaft Tirol

Re: Stemma araldico ecclesiastico e medaglia

Messaggioda lgalante » sabato 12 gennaio 2019, 15:26

Tilius ha scritto:Temo che in letteratura non troverà riferimento alcuno, essendo affatto nuova e originale questa idea - alquanto didascalica - del volere inserire la medaglietta devozionale.
La soluzione di volerla accollare allo stemma, appesa a un nastro, é altamente censurabile perché la farebbe sembrare una decorazione cavalleresca, cosa che ovviamente non é.
Poco importa se tale intenzione non esista: chiunque (con cognizioni di araldica anche minime) guardasse un tale stemma la vedrebbe, l'intenzione.
Rimane la soluzione di inserirla nello stemma (esteticamente alquanto scadente, ma l'unica che non ingeneri legittime perplessità di possibili - anche preterintenzionali - abusi).


Ringrazio per la risposta, precisa e soddisfacente [thumbup.gif]

E mi permetto di chiedere a Tilius un ulteriore consiglio...

Considerato che l'eventuale blasonatura della medaglia, che mi pare capire l'unica opzione araldicamente corretta, sarebbe esteticamente scadente, come lui stesso ha precisato, a suo parere:

a) eviterebbe qualsiasi modifica allo stemma originario di famiglia, aggiungendo solo il galero ecclesiastico

b) cosa ne pensa (anche dal punto di vista estetico) della blasonatura del solo monogramma mariano da inserirsi nello stemma originale

c) se il monogramma mariano potrebbe (anche qui chiedo parere sia estetico che di correttezza) configurarsi come elemento decorativo esterno allo scudo (per esempio nella parte superiore, tra questo e il galero, o inferiore, tra scudo e motto) oppure no

d) se qualcuno abbia conoscenza della blasonatura di una medaglia devozionale (miracolosa, san benedetto...)

Ringrazio ancora Tilius e chiunque voglia intervenire [thumb_yello.gif]
Avatar utente
lgalante
 
Messaggi: 9
Iscritto il: venerdì 4 gennaio 2019, 19:16

Re: Stemma araldico ecclesiastico e medaglia

Messaggioda Tilius » giovedì 17 gennaio 2019, 13:02

lgalante ha scritto:a) eviterebbe qualsiasi modifica allo stemma originario di famiglia, aggiungendo solo il galero ecclesiastico


Questa sarebbe saggia e inattaccabile decisione.
Indubitabilmente, la migliore possibile.
...
Immagine
Avatar utente
Tilius
Amministratore
 
Messaggi: 12562
Iscritto il: mercoledì 25 aprile 2007, 19:35
Località: Gefürstete Grafschaft Tirol

Re: Stemma araldico ecclesiastico e medaglia

Messaggioda Antonio Pompili » martedì 29 gennaio 2019, 12:43

lgalante ha scritto:d) se qualcuno abbia conoscenza della blasonatura di una medaglia devozionale (miracolosa, san benedetto...)

Non aggiungo parole sulla già sottolineata inopportunità di usare la medaglia come ornamento esterno.
Mi pare di aver visto una volta uno stemma prelatizio con la riproduzione - come figura araldica - se non della medaglietta nella sua interezza, almeno del monogramma caratteristico della medaglietta. Ma come già suggerito dai colleghi, lo stemma di famiglia di questo sacerdote è già molto bello di suo e non si presta a modifiche se non a costo di poco felici appesantimenti. Sono dell'idea che in uno stemma ecclesiastico (ma il discorso può valere in generale) sia meglio rinunciare a veicolare un determinato messaggio simbolico-teologico o spirituale che non appesantire inutilmente la composizione.
Se ora non ricordo con certezza se e dove ho visto uno stemma avente tra le sue figure la medaglia miracolosa, ho il ricordo certo dell'uso della medaglia di San Benedetto da parte di un Vescovo che porta il nome del fondatore del monachesimo occidentale, Mons. Benedetto Tuzia, Vescovo di Orvieto-Todi.
Immagine
Qui si tratta di stemma creato ex novo, dalla composizione semplicissima. La medaglia, almeno dal punto di vista grafico-rappresentativo, non appesantisce l'arma.
ImmagineQUI FACIT VERITATEM VENIT AD LUCEM (Gv 3,21a)
TU SCIS QUIA AMO TE (Gv 21,17b)
Avatar utente
Antonio Pompili
Amministratore
 
Messaggi: 3562
Iscritto il: mercoledì 21 marzo 2007, 17:23
Località: Roma

Re: Stemma araldico ecclesiastico e medaglia

Messaggioda Antonio Pompili » martedì 29 gennaio 2019, 12:57

lgalante ha scritto:per cui si tratterebbe solamente di aggiungere come elemento ornamentale il galero nero con una nappa, trattandosi di presbitero non parroco, sopra lo scudo.

Solo una nota sulla questione degli ornamenti sacerdotali. Fermo restando che - al di là di alcune indicazioni dal sapore eccessivamente dogmatico date da qualche (talora sedicente) araldista - nessuna codificazione abbiamo circa il timbro di scudi usati da presbiteri, quanto sopra scritto sembra lasciar intendere che a un parroco spetterebbe qualche elemento ornamentale in più o diverso (ad es. un fiocco in più).
Questo possiamo pensare di escluderlo, a fronte delle ragionevoli analogie con stemmi per i quali abbiamo chiare codificazioni, o almeno consuetudini così radicate da aver quasi il valore di norme chiare in materia.
ImmagineQUI FACIT VERITATEM VENIT AD LUCEM (Gv 3,21a)
TU SCIS QUIA AMO TE (Gv 21,17b)
Avatar utente
Antonio Pompili
Amministratore
 
Messaggi: 3562
Iscritto il: mercoledì 21 marzo 2007, 17:23
Località: Roma


Torna a Araldica / Heraldry



Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 4 ospiti